Psychologist

Focus sulle demenze e sul modello Gentlecare

In questo articolo ci poniamo come obiettivo quello di portare un'attenzione particolare nell'ambito delle demenze, concentrandoci su dati epidemiologici e modalità di presa in carico di persone affette e care givers, citando il modello protesico Gentlecare di Moyra Jones.

Il Binge Drinking, la piaga dei giovani d'oggi

Lo sballo del fine settimana, gli innumerevoli drink tra amici, il "bere per dimenticare" sempre più frequente tra gli adolescenti; queste sono alcune criticità dell'età giovanile d'oggi che stanno portando a sentir parlare sempre più di binge drinking. Scopriamo insieme cos'è.

Open dialogue e il "coinvolgimento alla pari"

Avete mai sentito parlare di Open Dialogue? Di questo trattamento nato in Finlandia che sta prendendo piede anche in Italia? In questo articolo vogliamo fare una breve panoramica a riguardo, invitando quanti più operatori della salute mentale, verso un approccio sempre meno stigmatizzante.

Cognizione sociale e interventi riabilitativi

In vista della seconda edizione del corso di formazione dal titolo "Rimedio Cognitivo e cognizione sociale: ambiti di intervento in riabilitazione psichiatrica" prevista per il prossimo 21 Settembre 2019, volevamo proporvi un articolo che approfondisse l'importanza di un approccio multidimensionale ai disturbi psichiatrici che preveda l'implementazione di nuovi interventi di riabilitazione psichiatrica mirati alla cognizione sociale.

Internet, Social e impatto sull'individuo

Vista l'introduzione dell'Internet Gaming Disorder nel DSM V e le ricerche sempre più numerose in questo ambito e quello dei social network, abbiamo voluto raccogliere una rassegna di recenti articoli inerenti l'argomento, e riportarne i risultati, proprio per porre l'attenzione su questa realtà sempre più quotidiana.

L'importanza della Cognitive Remediation Therapy per i Disturbi Alimentari

Con questo ultimo articolo inerente l'utilizzo della Cognitive Remediation Therapy, vogliamo ripercorrere l'importanza di tale trattamento nelle persone affette da DA. Come per i precedenti, anche in questo articolo leggeremo le parole della Dott.ssa Nocita. Con questo excursus nell'ambito dei DA vi invitiamo al nostro prossimo corso, certi di aver stimolato interesse per questo campo.

Il Ruolo dei Familiari nel Trattamento dei Disturbi dell'Alimentazione

In questo scritto abbiamo intervistato la Dott.ssa Rosaria Nocita, psicologa, psicoteraputa e referente del Servizio Cognitive Remediation Therapy per Disturbi Alimentari presso "Studi Cognitivi" di Milano, e docente del prossimo corso "Cognitive Remediation Therapy for eating disorders and weight disorders" che si terrà il 15-16 giugno presso la sede PRoMIND - Servizi per la salute Mentale.

Il processo del cambiamento

Spesso ci troviamo di fronte a cambiamenti, nostri o di chi ci è accanto. Spesso iniziamo percorsi che ci porteranno a cambiamenti, di vita, di abitudini, di lavoro, di salute. Ma cosa avviene? Qual è il processo del cambiamento?

L'operatore sanitario e la relazione con il paziente psichiatrico

Con questo articolo vogliamo ricordare, brevemente e in modo semplice e fruibile, cosa significa relazione d'aiuto, quanto È importante la comunicazione con il paziente psichiatrico e cosa si deve tener conto nella relazione terapeutica. È un articolo aperto ad ogni operatore sanitario che lavora in ambito psichiatrico.

Che paura!

In questo articolo esamineremo, grazie a rassegne di letteratura, quella che è una delle emozioni primarie, la paura. Spesso cerchiamo di sfuggire alla paura, di evitarla o magari capita di confonderla con l'ansia; con questo breve articolo invece proviamo a capirne l'origine la "funzione".

Cognitive Remediation Therapy per i Disturbi dell'Alimentazione

Chi ha avuto a che fare con persone che soffrono di un disturbo dell'alimentazione lo sa bene: spesso, specie quelle che ne sono affette da più tempo, appaiono testarde, rigide nelle proprie convinzioni e nel rispetto delle regole, perfezioniste, estremamente attente ai dettagli, in preda ad attimi di impulsività e contestualmente restie ai cambiamenti di piani, programmi e routine quotidiane.

E se anche gli operatori sanitari facessero stigma?

Come promesso eccoci con la seconda parte della discussione inerente lo stigma. Avevamo affrontato questa tematica in un articolo di inizio mese e ci eravamo lasciati con degli interrogativi inerenti lo stigma all'interno delle equipe sanitarie, o meglio, atteggiamenti stigmatizzanti da parte di operatori sanitari.

Attività fisica e salute mentale

Abbiamo mai pensato all'attività fisica che praticano i nostri utenti? O meglio, gli utenti che seguiamo, praticano attività fisica? Quanta attenzione viene data a questa disciplina?

I "bersagli" impensabili dello stigma

Ben noto è il concetto di stigma che spesso viene utilizzato nell'ambito della salute mentale. Ma quali sono le componenti dello stigma? Come si diffonde? E dove? Faremo questo piccolo excursus attraverso l'esame di informazioni raccolte e presenti in un interessante studio della nostra collega e socio Promind, la Dott.ssa Giusy Stella (1) .

E alla famiglia, chi ci pensa?

In vista del nostro prossimo corso di formazione, previsto per il 30 marzo 2019 Interventi psicoeducativi per il trattamento degli utenti psichiatrici e dei familiari, proponiamo un breve articolo con la speranza che sia da spunto per professionisti, per l'inizio di un trattamento adeguato, e dia coraggio e motivazione ai familiari di utenti psichiatrici nel chiedere aiuto e supporto.

Il "peso" dei social network

Abbiamo mai fatto caso a quante immagini di cibo, pietanze, ricette vediamo quotidianamente sui social? E quanti fisici scultorei? Quante nuove strategie di alimentazione? E se tutto questo avesse un peso per la popolazione? Numerosi studi dimostrano come i social siano legati alla comparsa di disturbi alimentari, soprattutto nei giovani.

Sostanze d'abuso e salute mentale nei giovani

In questo articolo ci concentreremo soprattutto sulla tematica inerente l'abuso di sostanze e le conseguenze che questo apporta nei giovani, sperando di parlare direttamente ad un pubblico giovanile e garantire un'informazione adeguata e concisa.

La "gioia" del Natale e come riabilitarla

A fine vacanze estive abbiamo pubblicato un articolo inerente la Summertime sadness e August Blues, ebbene, anche con l’avvicinarsi del Natale, ecco arrivare la Christmas Blues.

Ansia come un “must” contemporaneo

Sempre più persone soffrono di disturbi d'ansia; cerchiamo di capire come, professionisti della riabilitazione, possano attuare un trattamento sempre più efficace ed adeguato.